Dialogo Consapevole

Introduzione

Impariamo il Dialogo Consapevole con la Mindfulness, lo Psicodramma e la Comunicazione Non Violenta

Quante volte abbiamo sofferto a causa della nostra comunicazione impulsiva? Quante volte abbiamo detto o fatto cose di cui poi ci siamo pentiti, mossi dalla rabbia, dall’acredine, dal rancore, dal risentimento, dalla paura, dall’ansia?

Oppure, al contrario, non siamo riusciti a dire delle cose importanti per noi e per gli altri, bloccati dalla paura, dalla vergogna, dall’imbarazzo, dall’ansia paralizzante o dalla certezza che “tanto è tutto inutile!”?

Tutte le volte che agiamo non in armonia con i nostri valori, le nostre intenzioni ed i nostri bisogni potremmo vivere una esperienza di disconnessione da noi stessi e dagli altri e le nostre relazioni potrebbero soffrirne.

Quando alla disconnessione non segue una ri-connessione potremmo sperimentare sfiducia, scoraggiamento e potremmo dire o fare cose che peggiorino ulteriormente le nostre relazioni.

Imparare l’arte della gentile ri-connessione con noi stessi e con gli altri è un modo per vivere relazioni più aperte, giocose, affettuose e ricche di significato.

Obiettivi

Il corso si propone di:

Metodologie

Il premio Nobel Jacques Monod sostiene che le emozioni hanno a che vedere con il presente, mentre il pensiero ci prepara per il futuro. Possiamo pensare bene se non siamo perfettamente consapevoli delle nostre emozioni e di quelle degli altri? Possiamo pianificare azioni significative ed efficaci senza sapere quali sono le emozioni in gioco nella situazione attuale e cosa ci vogliono dire (ovvero quali sono le cose veramente importanti ora per tutte le parti in causa)?

Per allenarci alla pratica della ri-connessione dopo ogni disconnessione useremo le pratiche della Mindfulness e faremo riferimento alle teorie e pratiche proposte da Ed Tronick.

Per migliorare la nostra capacità di interpretare correttamente le emozioni ed i bisogni connessi faremo riferimento ai recenti studi delle neuroscienze sull’intelligenza emotiva.

Per verificare la correttezza delle nostre interpretazioni e per esplorare le emozioni e i bisogni delle varie parti in causa useremo pratiche tratte dalla Comunicazione Non Violenta e dallo Psicodramma.

Per gestire emozioni difficili quali l’ansia, la vergogna ed il senso di colpa svilupperemo la pratica dell’amorevole gentilezza e della self Compassion.

Contenuti

Gli argomenti trattati nei due incontri saranno: